142530 md

Uccisa a colpi d'arma da fuoco nel centro di Rio de Janeiro, mentre tornava a casa; è morta così Marielle Franco, consigliera municipale e militante per i diritti umani, assassinata insieme al suo autista. Un'auto si è affiancata alla loro ed ha aperto il fuoco; è sopravvissuta l'assistente della politica. Franco era membro del partito di sinistra PSOL. 

Amiche per la pelle

 

Il romanzo, scritto da un’autrice indiana, ha per protagoniste quattro donne: una cinese, un’indiana, un’albanese ed una bosniaca. 

Festa 30 anni

Il nostro trentesimo compleanno si avvicina rapidamente… E quale modo migliore di festeggiarlo se non con un anno pieno di impegni e appuntamenti

Save the Date: 25 febbraio, 19 marzo, 8 aprile e luglio!

Il primo appuntamento sarà il 25 febbraio 2018: parteciperemo alla 39esima edizione della Marcia di San Maurizio per sostenere il progetto “Run2Build”, volto alla costruzione di una casa per una famiglia bisognosa ai confini della città di Chimbote, in Perù.

Il secondo appuntamento sarà il 19 marzo 2018: l’associazione Gente del MA.GO. farà uno spettacolo teatrale a nostro sostegno. I fondi raccolti verranno devoluti al progetto “Run2Build”.

Immagine articolo febbraio

 

Tawargha è una delle città libiche che scelsero di combattere al fianco di Gheddafi durante la guerra civile del 2011. I suoi abitanti sono stati accusati da quelli di Misurata di aver partecipato attivamente ai combattimenti contro di loro e non mancano video e testimonianze a sostegno di queste accuse. Dopo la sconfitta e la caduta di Gheddafi, i circa 35mila abitanti della città sono stati costretti a lasciare le loro case per evitare azioni di rappresaglia, e da allora vivono in diversi campi profughi sparsi in tutto il paese.

 

 

Questo mese vi consigliamo la visione di “My Name is Adil”. È un film biografico che narra la storia di Adil Azzab che decide di abbandonare il Marocco per raggiungere il padre in Italia.

Foto Articolo Maratona

8 aprile 2018: Milano Marathon ed Iscos Lombardia, un connubio che come ben saprai si rinnoverà.

Corri con noi per sostenere “Run2Build”  che permetterà di costruire una casa per una famiglia indigente del Perù.

Foto News Internazionale

 

In India i dalit - cioè le persone che nel sistema sociale e religioso induista sono i paria, i fuori casta, gli ultimi degli ultimi - “non tollerano più lo sfruttamento e il dominio delle caste elevate”. Lo afferma ad AsiaNews padre Devasagaya Raj, segretario dell’ufficio per i dalit e i tribali della Conferenza episcopale Indiana (Cbci). Egli interviene sulle proteste dei dalit del Maharashtra che hanno bloccato per giorni la città di Mumbai. Scaturite da uno scontro tra ex “intoccabili” e radicali indù vicino Pune, esse mettono in luce che “le caste dominanti vogliono mantenere il sistema delle caste del Manudharma (“leggi di Manu”, il trattato di diritto indù che raccoglie le regole del vivere umano, compresa la divisione in caste della società, ndr). Esse non credono nell’uguaglianza delle persone.

Il consiglio di visione di questo mese è un documentario prodotto dal Guardian che si occupa della tratta di donne di origine nigeriana in Italia.

DSC 0196

Ormai sai che Iscos Lombardia parteciperà alla Milano Marathon anche nel 2018. 

Vuoi far parte del nostro team e sostenere la costruzione di una casa per una famiglia povera del Perù attraverso il progetto #Run2Build? Puoi farlo! Puoi donare quello che vuoi o sostenere il progetto attraverso una tua campagna di raccolta fondi personale cliccando qui.

Oppure… le tue gambe fremono? Allora puoi correre e far parte del team con Giuanito, la nostra mascotte! Clicca qui per avere tutte le informazioni. 

…e… siccome non vogliamo che nessuno dei nostri runner si faccia male, ci siamo documentati e, grazie al blog di running post abbiamo trovato il decalogo a misura di runner.

rapporto FAO

È uscito nei mesi scorsi il nuovo rapporto sulle prospettive alimentari della FAO (Crop Prospects and Food Situation) che rileva quanto conflitti, inondazioni e siccità influiscano sull'insicurezza alimentare. Sono infatti 37 i Paesi che attualmente devono affidarsi a risorse esterne per cercare di soddisfare la loro richiesta di cibo e, in questo scenario, i conflitti, cause di molte carestie, hanno giocato un ruolo fondamentale.

se tutta lafrica

Il nostro consiglio del mese di dicembre è un libro: “Se tutta l'Africa” di Ryszard Kapuściński. L'autore descrive il periodo di rottura della storia dell'Africa, la decolonizzazione, attraverso dieci reportage narrativi apparsi tra il 1962 e il 1966 sul settimanale “Polityka”.

runner mulatto

Segnatevi sull’agenda l’8 aprile 2018! In quell’occasione ISCOS Lombardia parteciperà a Milano Marathon per sostenere il progetto Run2Build, con l’obiettivo ridurre gli effetti devastanti “invasiones”: una vera e propria migrazione di massa dalle campagne alle periferie delle città, costruendo una casa per una famiglia che altrimenti sarebbe costretta a vivere in condizioni poco salubri.

Potete trovare maggiori informazioni sul progetto cliccando qui.

8695 Cuccettepersignora 1302316900

Il consiglio di lettura di questo mese è “Cuccette per signora” di Anita Nair, scrittrice indiana che, nel suo romanzo, delinea uno spaccato della condizione della donna nel suo Paese. Bengalore, Akhila è una single quarantacinquenne confinata per tutta la vita a vivere il suo ruolo di zia, figlia, sorella e per la prima volta sta per realizzare uno dei suoi gradi sogni: prendere un treno da sola. 

5174

Ross Kemp racconta: “Ciò a cui ho assistito non è altro che schiavitù moderna, in cui i migranti sono trattati come merci. Sembra che nulla sia cambiato rispetto a trecento anni fa, quando le tribù del deserto sfruttavano la stessa rotta per portare gli schiavi in Africa settentrionale: alle donne nigeriane viene raccontato che andranno in Italia per lavorare come domestiche solo per essere poi portate in bordelli deserti, senza alcuna idea di quando possano andarsene, i giovani uomini vengono crudelmente picchiati e tenuti prigionieri finché la famiglia non paga un riscatto e le donne sono obbligate ad usare metodi contraccettivi per evitare di restare incinte per colpa dei contrabbandieri.