Stampa

mozambico

RIGHTS FOR YOUTH - IL LAVORO DIGNITOSO CREA LO SVILUPPO UMANO. FORMAZIONE PROFESSIONALE E CREAZIONE DI OPPORTUNITÀ DI LAVORO IN MOZAMBICO (TETE)”

Area geografica di intervento: Mozambico,Regione di Tete

L’obiettivo Obiettivo generale di questo progetto è quello di favorire l’occupazione giovanile nella Regione di Tete promuovendo percorsi formativi che incentivino il lavoro dignitoso identificando insieme ai referenti politici e agli stakeholder della società civile strategie di intervento efficaci e durature.

Il risultato a cui si punta è la formazione professionale e l'informazione sui temi sindacali di 80 giovani tra i 18 e i 35 anni che li renda in grado di avviare la propria attività commerciale indipendente o pronti per essere assunti da aziende del territorio. Inoltre, si punta ad un informazione esaustiva per la società civile, le istituzioni e tutti i principali stakeholder sulle tematiche del progetto e sui temi del lavoro dignitoso. Il partenariato prevede la partecipazione in Italia del comune di Reggio Emilia, del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali UNIBO e in Mozambico dell’IFEPELAC di Tete, del sindacato Consilmo oltre all’OMR Istituto di studio e ricerca.

Descrizione progetto: Negli ultimi 20 anni, il Mozambico ha sperimentato un periodo ininterrotto di grande crescita economica. La disponibilità di risorse naturali, concentrate nel bacino carbonifero di Moatize nella provincia di Tete, dove si realizzerà il progetto, sono attualmente sfruttate da diversi gruppi multinazionali. Nonostante la crescita di attività economiche legate al settore estrattivo (carbone), l'incremento di posti di lavoro diretti non è aumentato in misura significativa. Le attività prevedono la formazione professionale con componenti sindacali di tutela dei lavoratori a beneficio di 80 giovani tra i 18 e i 35 anni. In parallelo si vuole avviare un dibattito attraverso una conferenza a Tete sul tema dell’occupazione collegata ai grandi investimenti. Oltretutto In Italia si organizzeranno 2 eventi di diffusione e sensibilizzazione uno sul territorio di Reggio Emilia e l’altro presso l’Università di Bologna.

Beneficiari diretti: 80 giovani tra i 18 e i 35 anni, 48 dei quali saranno selezionati nella città di Tete e 32 nei distretti periferici delle aree che ospitano le famiglie ricollocate dopo lo spostamento forzato dovuto all’apertura delle miniere.

Beneficiari indiretti: I beneficiari indiretti sono stimati in tutte le famiglie dei giovani che frequenteranno i corsi di formazione professionale e che a seguito dei corsi troveranno lavoro presso imprese locali o avvieranno la propria attività inserendosi a pieno titolo nel tessuto economico regionale. Questo consentirà infatti alla famiglia intera di migliorare la propria condizione economica e di vita. Per quanto riguarda la conferenza invece, essendo coinvolte autorità locali e istituzioni importanti deputate a definire le politiche economiche e sul lavoro a livello regionale, si stima un numero dei beneficiari pari alla popolazione dell'intera regione di Tete ovvero circa 150.000 abitanti (censimento,2008).

Durata del progetto: 1 anno

Budget totale: € 66.602,00 (di cui € 39.810,00 contributo Regione Emilia-Romagna)

 

QUALCHE DATO SUL MOZAMBICO:

ASPETTATIVA DI VITA: 54.1 anni (2018,CIA World Factbook)

ALFABETIZZAZIONE: 58.8% (2015, CIA World Factbook)

DISOCCUPATI: 24.5% (2017,CIA World Factbook)

POPOLAZIONE SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ: 46.1% (2015,CIA World Factbook)

MORTALITÀ INFANTILE: 64 morti /1,000 nuovi nati (2018,CIA World Factbook)